Category: Arte

Mostra “La Bellezza che io vidi”

La Bellezza ch'io vidi

La Bellezza ch’io vidi

Dal 23 settembre al 6 gennaio, possibilità di ammirare i tanti documenti e ‘richiami’ tra i mosaici ravennati e l’opera di Dante Alighieri

Circa 20 pannelli luminosi illustreranno a turisti e ravennati i tanti rimandi che sono stati studiati tra i mosaici e le terzine della ‘Divina Commedia’ attraverso un testo esplicativo (tratto da ‘Iconografie Dantesche’) e i commenti evocativi deI ‘Vangelo secondo Ravenna’ di Andrè Frossard (Itaca edizioni).

La mostra, sarà aperta al pubblico fino al 6 gennaio, dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 17.

L’ingresso costa 2 euro, mentre è incluso nel biglietto cumulativo per visitare il circuito dei monumenti Unesco gestiti dall’Opera di Religione.

È inoltre possibile prenotare visite guidate telefonando al numero 0544-541688.

Sapori d’autunno

GiovinBacco 2018

GiovinBacco 2018

L’autunno porta con se sempre sagre gustose. E a Ravenna ci saranno:

“GiovinBacco. Sangiovese in Festa” dal 26 al 28 ottobre 2018. La grande festa enologica romagnola si diramerà per le strade del Centro Storico cittadino accogliendo le migliore cantine vinicole locali che verranno celebrate dalla nostra tradizione gastronomica.

Contemporaneamente ci sarà il mercato contadino di Madra in via Gordini e Via C. Ricci.

“Truck and Food” invece, dal 28 al 30 settembre vedrà protagonista lo street food, mentre dall’8 all’11 novembre ci sarà Art e Ciocc.

 

Ravenna Nightmare Festival 2018

Nightmare Film Festival 2018

Nightmare Film Festival 2018

Dal 26 ottobre al 4 novembre  torna “Ravenna Nightmare Festival” con il concorso internazionale per Lungometraggi e Cortometraggi.

Il cartellone del festival sarà come di consueto denso di appuntamenti eventi e lezioni alla mattina, incontri letterari al pomeriggio e proiezioni di film con ospiti e vip alla sera.

Parallelamente ci sarà GialloLuna NeroNotte, l’altra fiera dedicata alla produzione letteraria contemporanea in stile Dark.

Per info complete:

www.ravennanightmare.it

www.gialloluna.com

 

Trilogia d’Autunno 2018

 

Teatro Alighieri Ravenna

Teatro Alighieri Ravenna

La musica lirica è oramai un appuntamento fisso dell’autunno ravennate. Per la Trilogia d’Autunno di questo 2018 si torna ad esplorare il genio creativo di Giuseppe Verdi, “trasformando il palcoscenico dell’Alighieri in una vera e propria fabbrica dell’opera, capace di dare corpo e voce a tre diversi momenti del suo percorso artistico”.

E quindi potremo assistere a:

  • Nabucco (1841)

venerdì 23 novembre (ore 20.30)
martedì 27 novembre (ore 20.30)
venerdì 30 novembre (ore 20.30)

  • Rigoletto (1851)

sabato 24 novembre (ore 20.30)
mercoledì 28 novembre (ore 20.30)
sabato 1 dicembre (ore 20.30)

  • Otello (1887)

domenica 25 novembre (ore 15.30)
giovedì 29 novembre (ore 20.30)
domenica 2 dicembre (ore 15.30)

Così all’inedito del Nabucco potremo rivedere lavori di repertorio (Rigoletto e Otello). La regia sarà di Cristina Mazzavillani, affiancata dal light designer Vincent Longuemare, dal visual designer Paolo Micciché e tanti altri talenti del panorama artistico internazionale.

Per info complete:

http://www.ravennafestival.org/trilogia-dautunno-2018/

Eventi su Dante autunno 2018

Dante 2018

Dante 2018

Sono passati 697 anni dalla morte del sommo poeta Dante Alighieri, che avvenne proprio a Ravenna nella notte tra il 13 e il 14 settembre.

E come ogni anno Ravenna dedica a questo artista immortale tanti appuntamenti culturali nel cuore della città:

  • CONVEGNO DANTE E RAVENNA organizzato dall’Università di Bologna dal 27 al 29 settembre
  • CONVERSAZIONI DANTESCHE 9-30 ottobre, dedicate ai temi del decoro e dell’ornamento tra Antichità e Novecento.

Inoltre ci saranno eventi musicali, fumetti, teatro, letture pubbliche della Commedia e tanto altro!

Per info: www.classense.ra.it/dante2018

 

 

Un nuovo museo a Ravenna: Classis!

Classis Ravenna

Classis Ravenna

A Ravenna arriva un nuovo museo, “Classis”, dedicato alla città e al suo territorio. A partire dal 1° dicembre questo  nuovo luogo avrà il compito di narrare, attraverso alcune tappe storiche fondamentali le vicende che hanno segnato la storia della nostra città.

Il museo vedrà un’area espositiva di 2.800 metri quadri che abbraccerà un arco temporale che va dalla preistoria all’antichità romana, dalla fase gota fino all’età bizantina per cui Ravenna è tanto nota, e all’alto medioevo.

Inaugurazione il 1° dicembre 2018 e apertura al pubblico il 2 dicembre 2018

Per info visitare il sito ufficiale: https://classisravenna.it/  

La guerra raccontata al MAR di Ravenna

Mostra Arte e Conflitti - MAR

Mostra Arte e Conflitti – MAR

Con l’arrivo dell’autunno tornano le grandi mostre al Museo d’Arte della Città di Ravenna.

Dal 6 ottobre 2018 al 13 gennaio 2019 va in scena “? War is over – ARTE E CONFLITTI tra mito e contemporaneità” al museo della città.

Il punto di vista proposto non è quello della pace, ma quello del DIALOGO come tentativo di dominare il conflitto con la dialettica.

Il cuore della mostra è realizzato su una serie di artisti “storici” che hanno espresso attraverso visioni e stili differenti queste tematiche: da Marinetti a Dechirico, da Fontana a Burri, passando per Guttuso e Picasso.

Info:

6.10.2018 – 13.01.2019
presso MAR, via di Roma 9 Ravenna
da martedì a sabato ore 9/18
domenica ore 10/18

Intero 10 euro
Ridotto 8 euro

www.mar.ra.it

Incontri Letterari a Marina di Ravenna

Capit Incontra

Capit Incontra

Per la Rassegna CAPIT INCONTRA, una serie di conversazioni letterarie con diversi prestigiosi autori:

4 luglio – Eraldo Baldini e Aurora Bedeschi
Il fango, la fame, la peste – Clima, carestie ed epidemie in Romagna nel Medioevo e in età moderna (Il Ponte Vecchio).
Eraldo Baldini e Aurora Bedeschi hanno ricostruito la storia romagnola che va dall’alba del Medioevo all’ultima epidemia di peste che interessò l’Italia settentrionale nella seconda metà del Seicento, la stessa narrata da Manzoni ne “I promessi sposi”.

11 luglio – Gian Ruggero Manzoni
Romagna alla garibaldina (Edizioni Il Ponte Vecchio)
Un vasto e documentato saggio di Gian Ruggero Manzoni sull’impresa garibaldina nel Regno delle Due Sicilie: un’appassionante ricerca intorno ai Romagnoli che corsero alle armi al richiamo di Garibaldi nel tempo dei Mille. Conduce Claudia Foschini.

18 luglio – Mauro Antonellini e Rossano Novelli
Americani a Porto Corsini nella Grande Guerra (Edizioni Capit Ravenna)
Mauro Antonellini e Rossano Novelli raccontano la presenza della Marina statunitense nel nostro territorio negli ultimi mesi della Grande Guerra. A cura dell’Associazione “1918: Americani a Porto Corsini”.
Conduce Paolo Cavassini.

25 luglio – Giorgio Comaschi
.COM Le avventure di un “cantastorie” in giro per il mondo (Edizioni Minerva)
Attore, giornalista e conduttore televisivo, Giorgio Comaschi si svela: tra aneddoti e sagaci verità, racconta il suo mondo senza rinunciare alla sua nota verve comica. Conduce Marco Montruccoli.

1 agosto – Pericle Stoppa
Clodio Scagnardi. A Porto Corsini nacque un poeta (Edizioni Capit Ravenna)
Pericle Stoppa racconta un fatto di cronaca accaduto nel 1922 a Porto Corsini (l’odierna Marina di Ravenna) e la “scoperta” di un giovane poeta dimenticato. Intervengono Gianluigi Tartaull e Gianfranco Tondini.

8 agosto – Roberto Pazzi
Come nasce un poeta – Epistolario 1965/1982 (Edizioni Minerva)
Il carteggio tra Vittorio Sereni e l’autore Roberto Pazzi, mostra un nuovo scenario nel rapporto tra questi due illustri artisti delle lettere. L’ampio epistolario mette in risalto il rapporto di stima e amicizia intercorso tra Sereni e Pazzi e spezzato solo dalla morte del primo. Conduce Massimiliano Garavini

22 agosto – Maximiliano Cimatti
L’uomo di Elcito (MeridianoZero Edizioni)
Il romanzo di esordio di Maximiliano Cimatti, un ravennate che ha mollato la città per vivere tra le colline marchigiane, narra le vicende del soldato Anselmo Toschi e dei suoi uomini, l’amicizia che nasce tra loro, la fatica di sopravvivere e la missione più difficile per il protagonista: dare un significato alla sua vita.

29 agosto – Nevio Spadoni
Dagli assetati campi – Una memoria di Giovanni Nadiani
A ricordare la figura di Giovanni Nadiani, uno tra i maggiori poeti del secondo ‘900 presente in tutte le antologie poetiche dialettali dal Dopoguerra ad oggi, sono tre personaggi che hanno condiviso con lui un tratto di vita: Nevio Spadoni, il maggior poeta contemporaneo in lingua romagnola, l’amico Elio Pezzi e l’attore ed autore Gianni Parmiani.

La X edizione di Capit Incontra, rassegna di appuntamenti culturali e di intrattenimento, si svolgerà dal 20 giugno al 29 agosto 2018 alle ore 21,00 presso la Sala Aditorium G. Di Stefano (Centro Civico) di Marina di Ravenna. Dieci piacevoli occasioni di incontri, ad ingresso libero, con la partecipazione di autori, di studiosi e cultori di vicende della nostra terra.

Donne Mirabili

Donne Mirabili
Museo Nazionale di Ravenna – via San Vitale, 17
Periodo di svolgimento: dal 07/04/2018 al 08/07/2018
Giorno di chiusura: lunedì
Orario: 8.30 – 19.30

Donne Mirabili

Donne Mirabili

Organizzata in collaborazione con Il Bulino Edizioni d’Arte di Modena, la mostra Donne Miserabili, uno sguardo contemporaneo sul Rinascimento al femminile presenta attraverso i facsimile di importanti codici miniati le memorie scritte di alcune delle più importanti figure femminili dell’età rinascimentale.

Isabella d’Este, Renata di Francia, Giulia Gonzaga: tre donne accomunate da una forte autonomia, da una cultura personale straordinaria e dalla divergenza rispetto ai canoni rinascimentali tradizionali.
Elemento chiave della mostra è la miniatura realizzata dalla miniatrice Agnieszka Kossowskatratt dal manoscritto originale del Libro d’Ore di Renata di Francia. L’opera, unica testimonianza dell’originale scomparso nel 1994, è realizzata con materiali e metodologie analoghi a quelli rinascimentali e con una minuzia certosina in grado di produrre opere di mirabile bellezza.

————
Ingresso a pagamento: 6€, ridotto 3€ (l’ingresso alla mostra è incluso nel prezzo del biglietto del Museo Nazionale)

We Have a Dream – Ravenna Festival 2018

La 29° edizione di Ravenna Festival si ispira al ricordo di Martin Luther King: We Have a Dream celebra la sua lotta per i diritti civili.

Ravenna Festival 2018

Ravenna Festival 2018

Quest’anno cade il 50° anniversario della sua morte e la ricorrenza ci consente di farci nuovamente ispirare dalle sue parole.

Il Festival continua a esplorare eventi cruciali e icone del Novecento, cercando di lenire lo smarrimento e le inquietudini che insidiano i nostri tempi. I have a dream è divenuto simbolo della lotta contro il razzismo non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo, compendio di quella vita che il Reverendo King dedicò alla libertà e all’uguaglianza nel credo della non violenza, e che si concluse drammaticamente con il suo assassinio il 4 aprile 1968 a Memphis, mezzo secolo fa.
Ma ecco che, a proposito di sogni, quello più coraggioso che il Festival ha saputo realizzare è certo le Vie dell’amicizia, che quest’anno approdano a Kiev, ancora una volta sotto la direzione di Riccardo Muti, nel segno del linguaggio universale della musica. Mentre il programma scandito dal susseguirsi di grandi interpreti – lo stesso Muti dirige Macbeth, con i complessi del Maggio Fiorentino, poi Wayne Marshall, Dennis Russel Davies e David Fray, Valery Gergiev, James Conlon e Ottavio Dantone, e per la danza Emio Greco, Bill T. Jones e l’amatissimo Roberto Bolle – si apre ogni giorno al talento dei Giovani artisti per Dante e ai raffinati concerti dei Vespri a San Vitale. E alla inesausta ricerca del teatro di parola: Fanny & Alexander e il Teatro delle Albe, il Teatro Nerval e Le Belle Bandiere, poi Mario Martone e Franco Branciaroli…

Il Festival continua a esplorare eventi cruciali e icone del Novecento, cercando di lenire lo smarrimento e le inquietudini che insidiano i nostri tempi. I have a dream è divenuto simbolo della lotta contro il razzismo non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo, compendio di quella vita che il Reverendo King dedicò alla libertà e all’uguaglianza nel credo della non violenza, e che si concluse drammaticamente con il suo assassinio il 4 aprile 1968 a Memphis, mezzo secolo fa.Ma ecco che, a proposito di sogni, quello più coraggioso che il Festival ha saputo realizzare è certo le Vie dell’amicizia, che quest’anno approdano a Kiev, ancora una volta sotto la direzione di Riccardo Muti, nel segno del linguaggio universale della musica. Mentre il programma scandito dal susseguirsi di grandi interpreti – lo stesso Muti dirige Macbeth,con i complessi del Maggio Fiorentino, poi Wayne Marshall, Dennis Russel Davies e David Fray, Valery Gergiev, James Conlon e Ottavio Dantone, e per la danza Emio Greco, Bill T. Jonese l’amatissimo Roberto Bolle – si apre ogni giorno al talento dei Giovani artisti per Dante e ai raffinati concerti dei Vespri a San Vitale. E alla inesausta ricerca del teatro di parola: Fanny& Alexander e il Teatro delle Albe, il Teatro Nerval e Le Belle Bandiere, poi Mario Martone e Franco Branciaroli…

Cliccare qui per SCARICARE IL PROGRAMMA IN PDF.

Visita il SITO WEB DI RAVENNA FESTIVAL.

Hotel Diga - Viale Lungomare, 75 - 48122 Marina di Ravenna (RA) Italia - Tel. 0544/530428 - Fax 0544/538377 - E-mail: info@hoteldiga.it
Copyright © 2010 newsmarinadiravenna.it