We Have a Dream – Ravenna Festival 2018

La 29° edizione di Ravenna Festival si ispira al ricordo di Martin Luther King: We Have a Dream celebra la sua lotta per i diritti civili.

Ravenna Festival 2018

Ravenna Festival 2018

Quest’anno cade il 50° anniversario della sua morte e la ricorrenza ci consente di farci nuovamente ispirare dalle sue parole.

Il Festival continua a esplorare eventi cruciali e icone del Novecento, cercando di lenire lo smarrimento e le inquietudini che insidiano i nostri tempi. I have a dream è divenuto simbolo della lotta contro il razzismo non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo, compendio di quella vita che il Reverendo King dedicò alla libertà e all’uguaglianza nel credo della non violenza, e che si concluse drammaticamente con il suo assassinio il 4 aprile 1968 a Memphis, mezzo secolo fa.
Ma ecco che, a proposito di sogni, quello più coraggioso che il Festival ha saputo realizzare è certo le Vie dell’amicizia, che quest’anno approdano a Kiev, ancora una volta sotto la direzione di Riccardo Muti, nel segno del linguaggio universale della musica. Mentre il programma scandito dal susseguirsi di grandi interpreti – lo stesso Muti dirige Macbeth, con i complessi del Maggio Fiorentino, poi Wayne Marshall, Dennis Russel Davies e David Fray, Valery Gergiev, James Conlon e Ottavio Dantone, e per la danza Emio Greco, Bill T. Jones e l’amatissimo Roberto Bolle – si apre ogni giorno al talento dei Giovani artisti per Dante e ai raffinati concerti dei Vespri a San Vitale. E alla inesausta ricerca del teatro di parola: Fanny & Alexander e il Teatro delle Albe, il Teatro Nerval e Le Belle Bandiere, poi Mario Martone e Franco Branciaroli…

Il Festival continua a esplorare eventi cruciali e icone del Novecento, cercando di lenire lo smarrimento e le inquietudini che insidiano i nostri tempi. I have a dream è divenuto simbolo della lotta contro il razzismo non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo, compendio di quella vita che il Reverendo King dedicò alla libertà e all’uguaglianza nel credo della non violenza, e che si concluse drammaticamente con il suo assassinio il 4 aprile 1968 a Memphis, mezzo secolo fa.Ma ecco che, a proposito di sogni, quello più coraggioso che il Festival ha saputo realizzare è certo le Vie dell’amicizia, che quest’anno approdano a Kiev, ancora una volta sotto la direzione di Riccardo Muti, nel segno del linguaggio universale della musica. Mentre il programma scandito dal susseguirsi di grandi interpreti – lo stesso Muti dirige Macbeth,con i complessi del Maggio Fiorentino, poi Wayne Marshall, Dennis Russel Davies e David Fray, Valery Gergiev, James Conlon e Ottavio Dantone, e per la danza Emio Greco, Bill T. Jonese l’amatissimo Roberto Bolle – si apre ogni giorno al talento dei Giovani artisti per Dante e ai raffinati concerti dei Vespri a San Vitale. E alla inesausta ricerca del teatro di parola: Fanny& Alexander e il Teatro delle Albe, il Teatro Nerval e Le Belle Bandiere, poi Mario Martone e Franco Branciaroli…

Cliccare qui per SCARICARE IL PROGRAMMA IN PDF.

Visita il SITO WEB DI RAVENNA FESTIVAL.

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.

Hotel Diga - Viale Lungomare, 75 - 48122 Marina di Ravenna (RA) Italia - Tel. 0544/530428 - Fax 0544/538377 - E-mail: info@hoteldiga.it
Copyright © 2010 newsmarinadiravenna.it